maggio 5, 2017

La Giuria della 15ma Edizione

GIANNALBERTO BENDAZZI (Presidente Onorario)
Nato in Italia, a Ravenna, nel 1946, cresce a Milano dove intraprende sia la carriera di giornalista che quella di storico del cinema. Dal 2002 si dedica a tempo pieno al lavoro accademico, tenendo all’Università degli Studi di Milano il primo insegnamento in Italia di storia del cinema di animazione (2002-2009). Dal 2002 è adjunct professor alla Griffith University di Brisbane, Australia. Dal 2013 al 2015 è visiting professor alla Nanyang Technological University di Singapore. Dal 2008 al 2015 si dedica alla stesura di “Animation – A World History”, una storia enciclopedica dell’animazione mondiale in tre volumi pubblicata nel 2016 da CRC Press. Nel 2016 è ideatore e presidente di Giuria di Premio Itala. Per la sua attività ottiene riconoscimenti a livello sia nazionale che internazionale tra cui il Premio Fantoche, in riferimento allo speciale contributo alla conoscenza del cinema d’animazione (Lucca, 1978), lo Award for Outstanding Achievement in the Field of Animation Studies (Zagabria, Croazia, 2002), il Premio Franco Fossati per il miglior libro dell’anno sul cartooning, “La fabbrica dell’animazione – Bruno Bozzetto nell’industria culturale italiana” (Rimini, 2003), il Premio alla Carriera decretato dal Festival di Kecskemét (Ungheria, 2015) e il Premio alla carriera di ASIFA International (Animafest, Zagabria, 2016).

 

 

REGINA PESSOA
Dal 1992, lavora presso lo studio Filmógrafo con Abi Feijó (regista pluripremiato, presidente dell’ASIFA Internazionale e presidente della Casa da Animação di Oporto), per il quale ha curato l’animazione di Os Salteadores (I fuorilegge, 1993), Fado Lusitano (1995) e Clandestino (2000). Sempre con Abi Feijò è coautrice di Ciclo Vicioso (Circolo vizioso, 1996) e Estrelas de Natal (Stelle di Natale, 1998). Il suo primo film, A Noite (La notte, 1999), vince numerosi premi in tutta Europa. Creato con la tecnica dell’incisione e della pittura su lastre di gesso – che richiede tempi di realizzazione lunghissimi, anche solo per pochi minuti di film – è un’opera al tempo stesso poetica e minuziosa, che racconta le paure, le ombre e i silenzi notturni di una bambina. Sei anni dopo, termina História Tragica com Final Feliz (Storia tragica con finale felice, 2005) che vince, tra gli altri, il prestigioso Annecy Cristal per il miglior cortometraggio agli Annecy Awards 2006. Caratterizzato da un disegno duro, definito da dense linee nere, il film ci trasporta nuovamente nella storia, dolce, di una bambina, il cui cuore batte troppo forte. È un ragazzo “diverso”, alle prese con i suoi demoni, il protagonista del corto pluripremiato, Kali, o Pequeno Vampiro (Kalì, il piccolo vampiro) ha ricevuto diversi premi prestigiosi fra cui il premio Hiroshima nel 2012 al Festival internazionale di animazione di Hiroshima. E’ attualmente al lavoro con un nuovo progetto di cui scopriremo i dettagli in anteprima durante il festival Imaginaria.

 

ANDREA MARTIGNONI
Performer, sound designer storico di cinema di animazione.
Ha realizzato colonne sonore per cortometraggi animati di Blu, Saul Saguatti, Michele Bernardi, Pierre Hébert, Virgilio Villoresi, Roberto Catani, Petra Zlonoga, Vessela Dantcheva, Boris Pramatarov, Ivan Bogdanovic, Soetkin Verstegen, Izabela Plucinska e altri. Ha insegnato Storia dell’animazione presso il Master in animazione dell’Accadema di Belle Arti di Palermo nel biennio 2011-2013, e nel 2014 alla Università IULM di Milano, collabora attivamente con diversi festival internazionali in tutto il mondo con master-class, workshops, letture su argomenti legati all’animazione e alla colonna sonora, è spesso invitato in giurie internazionali e in comitati di selezione in tutto il mondo.
Realizza workshop insieme a Basmati a.c. e Associazione culturale OTTOmani, promuove il cinema di animazione italiano a livello internazionale. Ha vinto il Golden Reiter per la migliore colonna sonora alla 23° edizione del festival internazionale di cortometraggio FilmFest Dresden e il premio Asifa Italia 2010.